If you want to translate:

Translate Italian to English Translate Italian to German Translate Italian to French

domenica 11 marzo 2007

Menaggio

Di scena la terza tranche del trittico Trofeo Lombardia e, potrei dire, nuovo tipo di allenamento.... le ripetute in salita! Infatti, dopo il long tecnico di Carrega ed il long veloce di Taino, oggi il mio fisico ha testato la salita e la discesa ripida. Sapevo che la cartina ed il tipo di gara mi erano più favoreli rispetto alle prime due uscite e che la campestre del giorno prima mi aveva dato buone sensazioni.
Giornata soleggiata, non calda, trasferimento in pulman parcheggio - partenza; leggo in fretta l'articolo del Dipa sul lantenino..... quanti ricordi! grazie Ale.
Innanzitutto mi concentravo sulla partenza, poichè nelle prime due gare ero partito troppo veloce e avevo rovinato la mia prestazione; parto allo stesso minuto del Madda.... grande onore e stimolo. La prima tratta sembra semplice, seguire il filo della luce e cercare sulla sinistra; purtroppo, come di consuetudine, il terreno sotto il filo elettrico è pieno di rovi e piante spinose. Non resta che salire nel bosco pulito di destra parallelamente al predetto filo e cautamente controllo il terreno finchè arrivo in zona punto; partenza lenta ma sicura. Vicino al punto 2 noto subito il giallo lì vicino; la difficoltà stà solo nel raggiungerlo in fretta..... raggiungo subito il sentiero che costeggia il muretto ed ad un certo punto attraverso il recinto di pietra buttandomi sul prato: tutto OK. La lanterna successiva si trova poco distante dalla strada che scende dalla collina, quindi tratta da dividere in 2 parti; scendo subito lungo il pendio e raggiunta la strada entro in costa fino alla fontanella. Lì, vedo una tuta degli AAA Genova, spero sia Carbone, partito 6 minuti prima, ma invece è Gallo. Il punto 4 è semplice: trasferimento su sentiero, rampa di 30 metri ed arrivo in zona punto. Nel tratto successivo scelgo di andare ad azimut, ma la vegetazione me lo impedisce.... allora mi getto verso il sentiero, arrivo sopra gli avvallamenti ma non vedo subito la lanterna; vado un pò lungo ma capisco che dev'essere lì! perdo circa 15 secondi. E' un campanello d'allarme: infatti salendo ancora, per la lanterna 6, la lucidità inizia a mancare; incrocio il primo, il secondo sentiero, trovo un muretto e lo seguo, arrivo all'incrocio dei muretti ... penso di trovare la lanterna, invece.... nulla. Un pò sorpreso, cerco di capire il motivo, vedo il prato e capisco dopo un pò che mi sono spostato sulla sinistra! quel muretto non era il mio. Vabbè, corro lungo il prato in direzione del punto ed arrivato in zona punto vedo Martina che mi indica dov'è la lanterna. Peccato avrò perso un paio di minuti stupidamente! Mi concentro subito per non sbagliare ancora: raggiungo il sentiero che sale, arrivo vicino alla casa e seguo la costa aiutandomi con i muretti; non sono veloce ma penso solo a non sbagliare ancora. La lanterna 8 mi mette un tarlo in testa: scendere nel prato e seguire il sentiero fin sotto il punto o andare in costa? Sulla carta scelgo la prima opzione, ma alzati gli occhi e vista la vegetazione cambio idea. Corro in costa, controllo la carta, raggiungo una radice con lanterna, e trovo il sentiero che viene su dal prato; mi fermo prima del bivio e la vedo su, molto in alto! Mi faccio forza perchè capisco che sarà l'ultima salita. Scendo nuovamente sul sentiero, supero i fili della luce ma .... c'è qualcosa che non va! il sentiero non mi convince.... controllo bene la carta e vedo che ho preso il sentiero alto! mi butto giù in direzione, trovo un sasso in mezzo ad un piano e lo individuo sulla carta; ok, ci sono. Punzono e poi via, un pò a casaccio verso la 10, so che devo trovare una strada; mi trovo un pò spostato a sinistra ma va bene lo stesso..... arrivo all'acquedotto, filo della luce, e oplà ... eccola la; peccato che l'uscita sbagliata mi sia costata quasi un minuto senza accorgemene! la 11 è subito memorizzata: destra sulla prima collina e sinistra sulla seconda: ottimo. Lanterna successiva senza difficoltà, basta arrivare sulla strada in fretta.... facile. Mi accorgo che ormai è quasi fatta! scendo con cautela verso la 13, giunto sulla strada controllo di essere in rotta e vedo che sono perfetto.... via di corsa in costa e dietro il muretto c'è il telo bicolore. La 100 è in mezzo al prato sotto il filo della luce singolo, nessun problema. Anche per oggi è fatta.
Parlo con Carbone, appena arrivato, mi dice di non essere molto soddisfatto..... replico che neppure io lo sono e che avrei potuto fare almeno 3/4 minuti meglio. Poi scendendo verso il ritrovo divaghiamo sulle corse campestri ed altri discorsi che ci fanno dimenticare in fretta la fatica appena fatta.
In conclusione, devo dire che ho confermato di essere portato per le middle: nonostante la salita e gli errori, il mio tempo non è stato malvagio. La cartina è un pò particolare, non è facile distingere le roccie dalle case: entrambe sono segnate con i rettangoli neri! Almeno ho dovuto leggere la carta per 40 minuti, cosa che non mi è riuscita la domenica prima.
Un pensiero per Mary: ha perso molto ad entrare in carta la sua prima tratta era davvero difficile, tanto che una scelta molto probabile, era quella di tornare indietro sul sentiero che portava alla partenza! nel resto del tracciato ha ritrovato sicurezza e qualche compagna di viaggio non proprio gradita!

14 commenti:

stefano ha detto...

Propongo un concorso a premi: chi è l'atleta sullo sfondo che sta arrivando dopo aver punzonato la 100?
Chi lo riconosce farà da speaker ai prossimi campionati italiani middle di Val Vigezzo!
(se tu avessi scelto una foto di 5 minuti dopo, quell'atleta ero io)

Rusky ha detto...

Caro, vuoi la tua? te la posso mandare

stefano ha detto...

Magari! Faccio il paio con l'arrivo "da pimpa" a Carvico.
Comunque non mi hai detto il nome dell'atleta all'arrivo, mi sa che lo speaker mi toccherà farlo a me (peggio per voi)...

Rusky ha detto...

allora te la mando.... l'atleta è uno del vivaio.... ma non conosco i nomi...

krautrock ha detto...

A me sembra chiaramente l'Ivan...

stefano ha detto...

A me sembra chiaramente Luca Misculin...

krautrock ha detto...

Impossibile, Luca Misculin è arrivato prima di Cafarelli..

stefano ha detto...

E' un complotto contro di me!
Vorrà dire che in Val Vigezzo me ne starò zitto... oppure no (tremate!)

stefano ha detto...

Tornando alle cose serie. 5 tratte in comune tra HA e H35 (chiamiamo le cose col loro nome!):
Giovannini batte Stegal 3 a 1 con un pareggio.
Stegal segna solo a tempo praticamente scaduto nella tratta per arrivare alla 100 e pareggia il conto sullo sprint finale.
Il che si presta a diverse interpretazioni:
- Stegal è in gran forma, in grado nel finale di tenere testa ad uno scatenato Giovannini
- Giovannini nel finale sa di aver fatto il tempone e si rilassa da campione, consentendo a Stegal una lanterna di vantaggio
- Stegal non sa dosare le forze: parte troppo piano e nel finale ne ha ancora da spendere (per il dopo gara???)
- varie ed eventuali

remox ha detto...

a me sembra chiaramente Bruno Misculin :-)
marco, sai che ho sbagliato esattamente sulla salita del muretto verso sinistra, e mi son trovato anchio non volente, sul sentiero alto! quasi mi vien da pensare che non è colpa nostra ma della cartina :-)

complimenti per lo sfondo del blog (uno dei più stilosi in giro:-) e ci si vede alla prox M35, oggi avrei iniziato gli allenamenti 2007

guardo subito le 5 tratte della MA :-)

stefano ha detto...

Direi 3 a 2 per Remox. Avanti Stegal 1 a 0 sulla salita alla sorgente, pronta replica di Remo sulla salitazza di fianco alla casa ma Stegal nel secondo tempo allunga ancora su una tratta breve e si porta sul 2 a 1. In zona Cesarini Remox pareggia sulla discesa alla 100 e vince con un rush finale in 10 secondi!

Rusky ha detto...

X Stefano: domenica ne avremo di tempi da confrontare.... (sempre che tu non abbia bidonato per paura -) )

X Remo: su quella salita sapevo di essere un pò a sinistra solo che probabilmente la lucidità (ridotta dal continuo salire) mi ha tradito. O forse, non avevo notato subito il muretto chè c'era nel bianco.

Rusky ha detto...

Stefano: ti rendi conto che nello sprint tu hai impiegato 11"01 e Remo 10"99? hai perso la partita per 2 centesimi..... -)

ale ha detto...

Non c'ero a Menaggio, ma nella foto potrei riconoscere 16 atleti, senza contare lo sprinter!