If you want to translate:

Translate Italian to English Translate Italian to German Translate Italian to French

venerdì 22 giugno 2007

Week end a riposo

Dopo parecchio tempo passato a correre in giro per l'Italia, con la cartina in mano, riesco a starmene a casa per preparare il necessario ad affrontare il mese di ferie che mi aspetta.
Capita che riesco a trovare il tempo per curiosare i siti delle prossime due cinque giorni che ho in programma, leggerne i contenuti e fare già qualche considerazione.
Innanzitutto il numero di partecipanti, la Francia ha quasi il doppio degli iscritti; ma la cosa che mi risulta più fastidiosa è che il numero dei tesserati francesi è superiore alle 1000 unità!
probabilmente, vista sotto l' aspetto percentuale, la differenza non è evidente, ma in realtà sono i numeri assoluti che impressionano.
Non mi voglio dilungare sui motivi ed i perchè di tale differenza, so per esperienza che l'atleta italiano non ama le gare su più giorni in Italia.
Lo ricordo benissimo ai mondiali master, dove su 3000 persone, forse un decimo avevano il tricolore vicino al proprio nome. Anche l'anno scorso, nel Lazio, ho contato molti più francesi che connazionali.....
Non so se sia un problema di tempo, denaro, lavoro, ma tant'è che la multiday italiana affascina poco i connazionali.
Passando alle anteprime pubblicate on line, finalmente a poco più di una settimana so chi parteciperà nella mia categoria: sul sito francese, ogni 15 giorni, venivano aggiornati gli iscritti, nel sito italiano (scritto solo in inglese.... povero Enrico!), vi erano pubblicati solo i numeri.....
Quando mi comunicarono le distanze delle gare, la prima cosa che risposi fu: "guarda che sono iscritto alla M40 e non alla M35!". Purtroppo la verità è che, chi ha pianificato le distanze, non ha avuto molto rispetto per i "non professionisti" della CO. Far fare così tanti kmsf. in pochi giorni, non credo attiri molti ad iscriversi in categoria..... ancor meno invidio ME e M35! infatti ho fatto cambiare la categoria a Mary, perchè vorrei trovarla ancora in forza per la trasferta francese; nel giorno di stacco dalle due gare dobbiamo farci più di 1000 km. in auto!
Altra osservazione la vorrei fare a chi ha pensato di far fare 45' di camminata, per andare alla partenza, nelle due gare più lunghe! Stesso discorso lo potrei dire a chi ha pensato di affidarsi, nelle tre tappe centrali, alla cartina 15.000; ho cambiato categoria apposta per non vederle più!
Ultima velata critica la voglio fare a coloro che hanno pensato di chiedere dei soldi per parcheggiare vicino al ritrovo e per la vendita delle classifiche: non metto in dubbio che ci siano spese ed oneri particolari da sostenere, ma dal modo in cui è stata scritta la cosa sembra che ci sia un'organizzazione che si attacchi a qualsiasi motivo per fare cassa. Probabilmente fare un pacchetto "all inclusive" e chiedere 5-10 euro in più all'iscrizione sarebbe passato più inosservato.
A parte tutto ciò, non vedo l'ora di incominciare, perchè non reggo più questo caldo che non solo m'impedisce di allenarmi, ma nemmeno di dormire.

3 commenti:

vincenz ha detto...

Personalmente preferisco fare multidays all'estero per una semplice questione turistica...

In Italia e forse qui sta il mio limite, dico sempre " Prima o poi ci rifanno una gara" e allora via a guardare oltre confine...

Inoltre credo che andando all'estero... si aumenta il proprio punto di vista... in una realta come quella italiana che vedo chiusa su se stessa...

Nulla da dire sull'organizzazione delle multidays italiane... quelle che stanno per iniziare sono frutto di mesi di attento lavoro... quindi siamo in buone mani!!!

Quest'anno ad esempio o Slovacchia o Cechia anche se qualche tappa la farò nei baltici...

3 settimane lontano dal suolo italico per riflettere un poco...

Ciao e invece di riposare ieri dovevi esserci all'Arena di Milano... show time di atletica

Rusky ha detto...

Sai che l'ho saputo tardi? nel prossimo post saprai che non ho riposato....

EAA vincenz ha detto...

In effetti la pubblicità nemmeno tra le società FIDAL è stata esagerata...

Comunque Antonietta Di Martino... ha entusiasmato... altro che tifo calcistico... quando l'asticella è rimasta a 2.03 BOATOOOOOO

E pure Silvia Weissteiner e Marco La Rosa con la platea che li sospingeva giro dopo giro a non mollare la testa della gara...

Bettinelli e Romagnolo invece i ricordi più belli del sabato... mentre tra gli ospiti grandissimo EVORA nei salti

E poi i nostri allievi almeno hanno fatto festa assieme a Vizzoni, Howe e Martinez...