If you want to translate:

Translate Italian to English Translate Italian to German Translate Italian to French

domenica 11 novembre 2007

Venezia

Come consuetudine di questi ultimi anni, anche nel 2007 siamo andati a Venezia. Dopo la bella prestazione dell'anno scorso, non avevo molta voglia di impegnarmi in una gara vincente; l'unico scopo coinvolgente del week end, era la gita nella città lagunare. La partenza è prevista il sabato mattina per Jesolo; da qualche anno abbiamo deciso di alloggiare in un hotel fuori Venezia ed andare alla gara con l'ausilio del traghetto. Purtroppo, il vento forte e freddo, vanificava i programmi pomeridiani che prevedevano corsetta sulla spiaggia e passeggiata serale.
Dopo aver passato la notte tra il vociferare continuo di ragazzine austriache, ci avviamo verso il ritrovo accompagnati da una bella giornata meno fredda del solito. Siamo ormai di casa nella palestra veneziana, quindi evitiamo lunghe code al bagno ed i soliti problemi creati da 3000 persone che affollano i locali.
Per prima parte Mary, la quale ha lo stesso minuto di start di una vecchia nostra conoscenza, quella Hazel Dean che corre ancora in WE nonostante sia negli "anta".
Poco dopo è il mio turno, non sono concentrato, non ho grosse motivazioni e decido di correre senza bussola e descrizione punti; il colpo di grazia lo ricevo appena prendo la cartina: non so se il triangolo rappresenti la partenza o la svedese!
Probabilmente, in una gara importante, avrei messo molta più attenzione, invece decido di addentrarmi nel centro senza alcuna idea di dove io sia.... corro a sensazione cercando di andare verso nord. Dopo cinque minuti, stò ancora correndo a casaccio in cerca di un punto riconoscibile, il primo stop me lo da un canale chiuso: ritornando indietro inizio a dirmi che forse sarebbe il caso di cominciare a fare orienteering!
Il cervello inizia a scaldarsi e molto lentamente inizio a riconoscere piazze, calle, sottopassi e ponti; impiego ben 3 lanterne ad entrare in carta! questa sensazione mi fa ricordare/capire come sia davvero facile perdersi a Venezia se non ci si mette le testa; ulteriore difficoltà è data dalla quantità di persone che stanno passeggiando nei vicoli: non solo per la corsa ma soprattutto per l'osservazione della carta!
Finalmente, dopo la terza lanterna, inizio a prendere un ritmo decente, non tanto fisico ma mentale, cioè memorizzare i tratti da percorrere senza rallentare a ragionare. Come altre volte mi è capitato, la voglia di correre inizia a manifestarsi sempre più prepotente: nonostante io non sia in una giornata particolarmente lucida riesco ad alternare tratti buoni ad altri con errori banali (entrare in vicoli chiusi).
Dagli split mi rendo conto quanto minima la differenza fra i migliori parziali e quelli mediocri: bastano 15-30 secondi per scendere di 40 posizioni! Nel mio caso, ho notato l'87° posto in cui mi trovavo alla terza lanterna: ci vuole davvero poco a cadere in fondo alla classifica!
Col senno di poi, mi dispiace essere partito così male, poichè il tracciato era molto buono: niente vialoni, poche tratte scontate, sempre duplici scelte e nemmeno banali; unico appunto, quello di aver lasciato il tratto magenta a coprire alcuni ponti strategici per la scelta.
Mary, nonostante la classifica poco edificante, si è divertita, iniziando a capire quali siano le cose principali da osservare e come muoversi fra le intricate calle; paradossalmente si è trovata in difficoltà nelle piazze...
Dopogara all'insegna della passeggiata sul vialone principale ad osservare i numerosi personaggi che affollano questa città.

6 commenti:

stefano ha detto...

Bel commento, sembra quasi che tu abbia fatto davvero la gara. Ma io non ti ho visto, eppure ho scritto il pezzo...
http://www.fiso.it/04_notizie/dettaglio.asp?id=2767

Rusky ha detto...

Eppure non ho riconosciuto la tua voce all'arrivo.... non mi posso essere sbagliato: lo speaker c'era!

vincenz "black sheep" ha detto...

www.olglombardia.forumattivo.com

aspetto tuoi commenti...

mi scuso se sono passate settimane... ma ho voluto privilegiare il mio tempo libero tra Edinburgo e Roma, gli allenamenti di atletica con un ragazzo che vorrebbe qualificarsi per gli italiani, ma si trova solo ad allenarsi... e soprattutto vedere se qualcuno si muoveva...

Ciao e ricordati che tra i fatti e le parole scelgo tutti e due... ma mai le parole da sole

rusky ha detto...

Ciao, pensavo ad un indirizzo.... www.bearsunvalley.trentino.it, -)))

vincenz ha detto...

Lì ho solo il domicilio... la residenza non cambia...

Ma hai attivato la registrazione?? puoi fare questo test in modo che verifico il funzionamento del baracchino...

rusky ha detto...

Ho fatto la registrazione ma non sono andato a vedere l'email.... adesso provo