If you want to translate:

Translate Italian to English Translate Italian to German Translate Italian to French

domenica 27 luglio 2008

OO cup - 5^ tappa

Ultima tappa slovena forse la più bella tecnicamente poichè un misto fra le prime 3 tappe e quella di ieri.
La zona è sempre la stessa, con ritrovo molto lontano dall'arrivo e partenza; la differenza, oggi, è che piove e la notte passata è stata illuminata dai fulmini ed il rumore dei tuoni all'alba ancora si sentiva.
Il gruppo GOK parte tutto assieme: Stefano a mezzogiorno, Attilio quattro minuti dopo ed io e Bibi a chiudere il treno; l'attesa si svolge all'interno delle autovetture poichè la pioggia non cessa.
Giusto il tempo di prepararsi ed avviarsi allo start che improvvisamente esce il sole; purtroppo non ho preso la mia compagna di gare ma spero di non averne bisogno.
Percorrendo la strada per la partenza riviviamo, all'incontrario, la scena di ieri: concorrenti che ormai hanno terminato la cinque giorni danno le loro impressioni a coloro che ancora non si sono cimentati nel bosco; sinceramente non ho notato scene di antisportività visto che la cartina veniva lasciata ai concorrenti.
Il triangolo di partenza è abbastanza vicino all'arrivo, mentre la cartina odierna rappresenta parte del terreno di ieri ed una zona nuova ad ovest; il fatto che il suo nome contenga la parola "doline" può essere già un suggerimento....
Oggi non mi sento fisicamente pimpante poichè la vescica, che mi trascino da 5 giorni, non mi permette di correre correttamente; il sole, inizia a fare il suo dovere ed il bosco lentamente si asciuga facendomi rimpiangere il mio mezzo litro d'acqua.
Il tratto numero uno è piuttosto lungo: parto bene ed arrivo correttamente alla strada a sud del numero 19; lì, anzichè tagliare, mi metto a correre sulla carraia, senza accorgermi che sto sbagliando. Finalmente, arrivato all'incrocio (dove è stampato il numero 6), capisco l'errore e rimedio alla superficialità con cui ho iniziato.
Dopo aver lasciato almeno un minuto e mezzo per la scelta sbagliata, entro in gara e continuo bene; alla quattro incrocio Stegal che ha appena punzonato e mi meraviglio di averlo già raggiunto; sei minuti sono tanti da recuperare in un quarto d'ora e quindi capisco che deve aver sbagliato.
Per la lanterna successiva supero l'origiornalista, ma devo aspettarlo in quanto il cocuzzolo dov'è posata la lanterna è poco visibile nella realtà; ancora peggio faccio per la sei quando entro nel punto sbagliato, troppo a est, e quando raggiungo il telo giusto Stegal se ne sta già andando.
Qui inizio a sentire la mancanza della mia acqua fresca, il sudore non mi permette di essere lucido nella lettura in zona punto; dopo la sette saluto il mio compagno di squadra e inizio la zona difficile.
La otto la faccio bene, la nove diventa lenta in quanto la discesa sull'ultima roccia è a rischio, errore di un minutino alla 10 (arrivo troppo ad est), bene la dodici ed ancora un minuto abbondante alla 13, dove sono molto vicino al punto ma poco lucido.
Ne ho la conferma andando alla 14 dove, arrivato alla prima strada nera, confondo due curve simili e devo arrivare fino all'incrocio a bordo carta per capire che sono fuori rotta!
Anche qui un minuto se n'è andato; poi riesco a trovare un ritmo che mi lasci abbastanza ossigeno per rimanere concentrato. Per la prima volta vado volentieri al bicchiere, anche se è fuori rotta, perchè i secondi persi a bagnarsi li recupero non sbagliando praticamente più fino all'arrivo.
Finisco davvero stanco, poichè corro male su un piede ed il fondo è insidioso; sono un bagno di sudore ma almeno ho limitato i danni: capisco subito di non aver fatto la mia migliore gara ma è anche vero che la prova odierna era più difficile della quarta tappa.
Nel pomeriggio, frugale premiazione in quanto molti hanno le valigie già pronte; non noi, che lentamente ritorneremo in Italia fra qualche giorno. Le gare di luglio sono ormai terminate ed il prossimo appuntamento sarà la O-Marathon, ma quella non la considero una gara bensì una passeggiata. SPLIT CLASSIFICA FINALE

Nessun commento: