If you want to translate:

Translate Italian to English Translate Italian to German Translate Italian to French

domenica 31 agosto 2008

Kubelek - Lekle

Dopo il riposo forzato di agosto, ho ricominciato l'attività orientistica in una gara dai nomi plurimi: Highland open, Latinum certamen o più semplicemente coppa Italia 2008.
Ritorno sempre volentieri sull'altipiano di Asiago poichè i terreni e le cartine mi fanno divertire e soprattutto non sono impossibili da correre; hanno però una contro indicazione: fanno pagare a caro prezzo i cali di concentrazione. Ne ho avuto la prova ben due volte: una semifinale dei Campionati italiani middle e la seconda tappa dell'Highland dell'anno scorso!
Peccato non aver potuto partecipare alla tre giorni , dove ho il ricordo del podio più bello, e soprattutto il rammarico di aver passato tutto il mese alla temperatura costante di 30°; questo significa nessun allenamento decente e sperare che il super lavoro di luglio non fosse sparito.
Quando sabato pomeriggio siamo usciti dall'autostrada e da lontano ho v
isto le prime nuvole mi sono rallegrato in quanto di sole ne ho fin sopra i capelli.... ho approfittato della cartina di Bibi per fare la sprint con Mary tanto per farla ritornare a correre con la carta; devo dire che non mi è affatto dispiaciuta nonostante le lanterne e gli spettatori fossero già spariti da un .
Prima di parlare della gara devo scrivere un pensiero riguardo l'aspetto logistico de
ll'altipiano: ormai ho girato parecchi hotel ma sinceramente il rapporto qualità-prezzo non è quasi mai stato all'altezza di una località turistica.
La mia categoria aveva la griglia spostata oltre mezzogiorno: molti si sono chiesti come potessero svolgersi le pre
miazioni alle 13.30! a quell'ora alcuni dei possibili vincitori potevano ancora non essere arrivati al traguardo.
Il primo ad arrivare è ormai il consueto speaker: giunto presso il campo da calcio butta al vento carta e bussola esprimendo così la sua felicità; ormai è pronto per la staffetta! -))
Oltre al consueto pubblic
o della domenica ci sono i gruppi colorati delle nazionali partecipanti al Latinum certamen vinto anche quest'anno dall' Italia.
Ogni tanto incontro i sopravvissuti della o-marathon e con loro rivanghiamo i ricordi di quella bella domenica.
Il tracciatore odierno cerca di metterci pressione ma ormai conosco bene questi boschi, so come dovrò correre e quanta concentrazione mi servirà.
Siccome il sole non mi vuole abbandonare me lo ritrovo a
llo start; ho la mia borraccia e quindi sono tranquillo ed approfitto del mini warm up per scaldare il cervello. Due minuti dietro mi parte Carbone e non ho nessuna intenzione di correre con lui: ho voglia di correre da solo con la mia testa e le mie capacità!
Per questo motivo parto veloce, il tempo di piegare il "lenzuolo", capire dov'è il triangolo e fare la scelta veloce per scappare dalla sua visuale; quando sento il bip del secondo minuto dopo la mia partenza, sono già nei pressi del giallo che attacco il punto; lo trovo subito e quindi archivio la pratica Carbone.
Ora devo affrontare la sindrome "errore al 2° o 3° punto" che quest'anno mi perseguita; la carta ed il terreno non sono facili, ma riesco a trovare entrambi i punti in sicurezza e tirare un sospiro di sollievo.
Raggiungo Storti ed ormai credo di essere entrato in gara; in
vece il quarto punto mi presenta il conto che per fortuna è di poco più di un minuto... la cosa buffa è che ho scambiato una sequenza di bip regolari (probabilmente 3 atleti che punzonavano in sequenza) con il bip dello start, che sfortunatamente non era molto distante; diversamente sarei "caduto" sul punto...
La prima tratta l
unga non l'ho scelta subito in quanto non riuscivo a proiettare nella mia testa dove fossero i dislivelli; ho quindi seguito la via più breve appoggiandomi ai prati senza badare al dislivello e trovando bene il punto.
Qualche secondo perso al punto d'attacco della sei, proprio in virtù di correre in sicurezza e poi il famoso trattone!
Inizialmente volevo aggirare il collinone da sud ma quando mi sono
accorto che si doveva salire ho cambiato subito idea: strada nel giallo, pezzo di recinto nel giallo, attraversamento delle piste da sci, discesa sulla strada asfaltata giusta e poi lungo trasferimento dando un'occhiata al bosco che avrei dovuto affrontare successivamente.
In zona punto raggiungo Attilio ed il tedesco Peter Heim che ormai, io e Mary, abbiamo imparato a riconoscere visto che lo troviamo ovunque....
Per la nove utilizzo la strada mentre dalla dieci in avanti mi ritornano gli incubi delle gare passate.... è proprio in questa zona che ho fatto gli errori peggiori!
Per questo motivo rallento il passo, anche perchè quelle rocce coperte da muschio con i crepacci attigui predicano prudenza; l
a dieci la faccio lenta ma in modo sicuro, la undici è veramente tosta ma ho la fortuna di vedere la depressione a nord ed una serie di orientisti che convergono sul ristoro.
La dodice
sima non la sbaglio ma il mio trasferimento non è perfetto: ciò determina una perdita di tempo non quantificabile e non apprezzabile durante la gara.; le ultime punzonature le faccio sempre con la dovuta calma ma sempre con la testa.
Purtroppo poco più di un minuto l'ho buttato alla 17 in quanto quel muretto era impossibile da scorgere subito fra quelle rocce e come già scritto in passato è uno di quei punti che se vedi qualcuno che sta uscendo non perdi nulla....

Subito dopo il mio arrivo sento le voci di Enrico e Niccolò che hanno viaggiato fin sul podio; mi raccontano che anche un grande master come il Bacc ha sbagliato clamorosamente nel finale mentre si giocava la vittoria... ecco, questa carta non perdona nulla appena la sottovaluti!
Per questo motivo sono contento: bella carta, bei percorsi ,con i sempre più radi "trattoni" e buona prestazione personale.
Il prossimo anno chissà se ritorneremo nuovamente fra queste colline....

9 commenti:

MyWoldPlus ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
stegal ha detto...

Finalmente hai messo le cartine. Così posso copiarle visto che nel trambusto la mia M40 è rimasta in mano agli addetti dell'arrivo!

Complimenti per il tuo tempo, si avvicinano date importanti per gli orientisti lèttoni come te! :-)

rusky ha detto...

Se vuoi tirarti su il morale confronta le classifiche MA -))) se hai bisogno della carta senza percorso fammelo sapere

stegal ha detto...

Veramente avrei bisogno della "carta e basta", ma la chiederò agli organizzatori. Ho visto i tempi della MA. Nulla da dire, sono andati più forte. In fondo mi sto avviando al finale di stagione e non ho più nulla da chiedere alle mie classifiche.

Ps: cosa fai il 18 e 19 ottobre :-)

Rusky ha detto...

Beh, la parola Arge Alp mi solletica... ma prima c'è parecchia roba!

Galimba ha detto...

Mi ricordo di Peter Heim. Già presente l'anno scorso e l'ho trovato anche a Uslar quest'anno! Penso che abbia qualche gemello...lo trovi ovunque!
Complimenti per la gara!
ciao
Galimba

rusky ha detto...

Quando l'ho raggiunto lo sentivo ripetere "Scheisse"... chissà con chi ce l'aveva! Lo abbiamo notato per il suo abbinamento di colori nel suo look. C'era anche l'anno scorso al Highland e quest'anno era in Rep. Ceca!

rem ha detto...

e naturalmente c'era anche all'HOLLAND-OL e al TRAIL-O di asiago :-=
Pietro Casa è ovunque

林依晨Amber ha detto...

cool!i love it!情色遊戲,情色a片,情色網,性愛自拍,美女寫真,亂倫,戀愛ING,免費視訊聊天,視訊聊天,成人短片,美女交友,美女遊戲,18禁,三級片,自拍,後宮電影院,85cc,免費影片,線上遊戲,色情遊戲,日本a片,美女,成人圖片區,avdvd,色情遊戲,情色貼圖,女優,偷拍,情色視訊,愛情小說,85cc成人片,成人貼圖站,成人論壇,080聊天室,080苗栗人聊天室,免費a片,視訊美女,視訊做愛,免費視訊,伊莉討論區,sogo論壇,台灣論壇,plus論壇,維克斯論壇,情色論壇,性感影片,正妹,走光,色遊戲,情色自拍,kk俱樂部,好玩遊戲,免費遊戲,貼圖區,好玩遊戲區,中部人聊天室,情色視訊聊天室,聊天室ut,做愛