If you want to translate:

Translate Italian to English Translate Italian to German Translate Italian to French

domenica 30 novembre 2008

Montichiari

Come di consueto l'ultima gara lombarda coincide con un centro storico per poi dare vita alla "festa del Lanternino".
Quest'anno è stata la volta di Montichiari, cittadina a sud-est di Brescia, dove non mi ero mai fermato, nonostante il castello e la basilica siano due bellezze attraenti per chi passa da quelle parti.
Purtroppo la pioggia ad intermittenza ha rovinato la gior
nata ma almeno abbiamo schivato la nevicata che, durante la settimana, mi aveva fatto temere l'annullamento delle gare.
Notoriamente non
amo i centri storici per la monotonia delle gare; ebbene: in questo mese ho scoperto come poter scombussolare uno sport come l'orienteering!
La nuova formula ideata dal Tumiza era un condens
ato della precedente gara di Besana e della "score" antica.... il problema è che ne è nato un orribile regolamento!
Infatti anche questa volta si doveva ottenere un punteggio minimo per poter essere classificato (610 per la M35); fin qui tutto già testato in precedenza....
Prima variante: le lant
erne con i codici inizianti per 3 (31-39) valevano 10 punti, quelli col 4 (40-49) 20 p., quelli col 5 (50-59) 30 p., quelli col 6 (60-69) 40 p. come la 100! già a questo punto le cose sono più complicate....
Ma attenzione: i codic
i non sono segnati vicino al cerchio ma solo sulla descrizione punti (solo sulla carta);non solo: la descrizione punti non conteneva i codici in ordine crescente bensì in modo casuale! e nemmeno la logica che le lanterne vicino all'arrivo valessero meno era stata rispettata.
Quanto sopra descritto sarebbe bastato a mettere in crisi qualsiasi cervello normale sotto sforzo agonistico.... eppure un'altra nuova trappola era in agguato: ogni categoria aveva lanterne diverse ma sopra
ttutto c'era il tempo limite! (40') dopo il quale scattava una penalità di 5 punti al minuto...
Ecco, secondo me
quest'ultima trovata ha rovinato la gara.... tanto per iniziare trovo spregevole squalificare chi avesse fatto tutte le lanterne della M35 (690 punti) in un tempo superiore ai 56' (56'-40'= 16' * 5 = 80 punti di penalità); infatti alla fine del calcolo si arriverebbe al massimo a 605 punti che sono inferiori ai 610 punti minimi.
Trovo poco sportivo squalificare chi fa 610 punti ed impiega 40'01"; anche perchè se Angelo ha impiegato p
oco più di 30' a fare il punteggio minimo, non potevano essere molti quelli che sarebbero riusciti a entrare in classifica...
Infatti in alcune categorie erano più i nomi dei non classificati che di quelli col tempo assegnato; peccato, perchè qualcuno ci teneva al trofeo dei ce
ntri storici e quest'ultima gara potrebbe aver falsato alcune classifiche.
Vabbè, passiamo alla gara: io e Mary partiamo col secondo
lancio; tra i master ci sono Alberto G., Angelo B., Roberto B. tra i nomi illustri mentre l'UL è al completo.
Dopo essermi riempito la testa di numeri e codici decido di partire alla cieca senza guardare il valore delle lanterne; guardo solo
da che parte iniziare a cercare le lanterne.
Verso il primo controllo vengo raggiunto da Angelo e Alberto e con loro punzono; subito dopo l'atleta del Varese fa la scelta giusta, a differenza
mia e di Alberto, di passare dalla 5; io rimango con il portacolori del Cus Parma fino alla 16 poi decido di proseguire dritto in direzione 21-20.
Ed è proprio in questo frangente che perdo 1'30" poichè, immerso nella lettura della carta e dei codici, salto completamente la lanterna 20! mentre ritorno indietro incontro Angelo e capisco che la vittoria è ormai compromessa.
Piano piano riesco a mettere a fuoco i vari punteggi ed
alla fine, per non sbagliarmi, faccio anche 10 punti in più; rivedendo il percorso a mente fredda mi sono accorto di non aver fatto un gran tragitto ma comunque sono stato in grado di non incorrere in penalità.
Mary è riuscita a combinarne una delle sue: abituata a se
gnarsi le lanterne fatte con la penna, si è ritrovata con la carta inzuppata d'acqua ed alla fine ha saltato un paio di lanterne vicino al traguardo in quanto i cerchietti erano ormai scomparsi...
Nemmeno il tempo di asciugarsi e di ris
caldarsi che eravamo di nuovo in giro per la cittadina a caccia di lanterne di trail-O!
Era da un che non facevo una gara di questo tipo: ero rimasto deluso dalla scarsa professionalità e cura con cui venivano organizzate.
Personalmente non mi dispiace questa disciplina: di testa, di precisione, di riflessione...
Oggi, finalmente, ho assistito ad una gara seria che mi ha messo in difficoltà non per lanterne opinabili (forse una) ma
per mia superficialità o ignoranza delle convenzioni. Ringrazio Luigino per la piccola lezione post gara che mi ha aperto gli occhi su alcuni aspetti per me oscuri... ed aspetto con curiosità il regolamento tradotto in italiano!
Un piccolo esempio d'ignoranza può essere il punto sei
: descrizione "fra due alberi". Ok, facile no? il problema è che ci sono tre lanterne posate in fila indiana fra i due alberi... per la descrizione sono giuste tutte e tre! scopro che la convenzione dice che il punto giusto è quello equidistante dalle due piante.
Nemmeno quel punto delle 3 lanterne sul recinto (11) lo avrei mai indovinato: io a guardare la direzione e la proiezione dei vari edifici, ed alla fine scoprire che è Z perchè le lanterne non sono attaccate al recinto ma posate nel verde privato davanti ad una siepe!!!
Vabbè, almeno mi sono fatto una cultura di trail-O, e molto interessante ho trovato la pubblicazione delle risposte esatte commentate (vedi foto); colui che mi ha fatto sorridere è stato un tizio che si è alterato perchè convinto che volessimo copiare la sua punzonatura!
Dopo il pranzo con i superstiti GOK, è stata la volta delle premiazioni dei vari trofei; una festa per tutti q
uelli che si sono impegnati durante l'anno!
Ho ufficialmente chiesto a Dipa (rappresentante lombardo atleti) di poter cambiare il mio premio da 50 euro con un meno costoso ma più significativo trofeo, con scritta indicante ciò che ho vinto; faccio parte
di coloro che sentono maggiormente il premio dedicato piuttosto che un anonimo buono sconto che, appena speso, non sarà più fra i miei ricordi.
Per questo ho molto apprezzato il premio con targhetta dedicata ai campioni italiani: grazie, per chi, come me, è arrivato alle vittorie lentamente e con fatica, questi premi rappresentano molto, come la prima tuta lombarda del trofeo delle regioni (e all'epoca era molto dura venire convocato!).
E con oggi è finita ufficialmente la stagione 2008 e da mercoledì (street-O by Rem) inizierà il 2009.
As usual the last competition in Lombardy is an orienteering city race and then “Lanternino Party”.
This time we were in Montichiari (BS), a small town to the south-east of Brescia, where I was never been , even if the castle and the cathedral are two interesting building to visit.
Unfortunately there was an intermittent rain so it wasn’t a nice day, but we dodged the snowfall, that, during the week, made me afraid of cancellation of the race.
As I pointed out, I don’t like very much orienteering city races because of the monotony of the race, but in this month I discovered how to upset a sport like orienteering!
The new formula made by Tumiza (an orienteering team of Lombardy) was a mixed between the previous race in Besana and the original “score race”...but the result was an orrible competition rule!
You had to obtain at least a minimum score to be ranked (610 for class M35) like in Besana race.
First change: the control codes from 31 to 39 counted 10 points, from 40 to 49 20 points, from 50 to 59 30 points and from 60 to 69 counted 40 points like the control 100!
And now the situation is much more complicated.....
Be careful: the control codes are not marked near the circle on the map, but only on the control description (only on the map); and then: the control codes on the control description were not marked in rising order but accidentally! Normally the controls near finish are worth less than those far; in this case this rule wasn’t observed.
These changes are enough to make the “mentale race” very difficult but there was another trap: every class had different controls but above all there was a time limit! (40’) after this time there was a penalty (5 points per minute for delay).....
I think this kind of rule has spoiled the race.....In the first place I believe it’s not good to disqualify the runners of class M35 who punched all the controls (690 points) later than 56’ (56’- 40’= 16x5= 80 points penalty); in fact over this minute the result of this calculus was 605 points, not enough to be ranked.
I think it’s not a good sporting spirit to disqualify who got 610 points in 40’01, too; if Angelo (the winner of M35) took a little more than 30’ to obtain the minimum points, not lots of runners could rank.......
There were some classes with much more disqualified runners than classified; pity, because some runners cared for the orientereering city Trophy and this last race could have distorted some final results.
Now let’s speak about the race: I and Mary began with the second start; as master there were the most notable names of Lombardy and there was the whole UL (my team).
As my mind was in confusion due to lots of numbers and codes I decided to start without looking the controls’ value; I only looked at the starting direction to look for the controls.
Towards the first control Angelo and Alberto reached me and I punched together with them; straight after Angelo made the right choice to pass through control 5; I and Alberto (Cus Parma Team) ran together up to control 16 and then I decided to go straight on towards 21-22 alone.
It’s just in this circumstances that I lost 1’30’’ because reading the map and codes I completely forgot control 20! while I was coming back I met Angelo and I understood the victory was compromised. Slowly I was able to count the points and at the end of the race I made 10 score more; when I looked my route on the map, after the race, I realized I didn’t do a good course, but, however I was able not to have penalties.
Mary was able to get into trouble: as she use to mark by a pen on the map the controls already punched, she took out the map from the plastic envelope so she had the map drenched with rain and she forgot a couple of controls near the finish, because the circles on the map were disappeared.....
Just the time to dry and warm ourselves and we were again to look for Trail-O controls!
It was a little time I didn’t take part in this kind of race: in the past I was disappointed by the poor professionalism and care about the organization of these competitions. Personally I quite like this sporting branch: mental, precise, thoughtful.....
Today, finally, I took part in a serius race that put me on the spot not because of debatable controls (maybe one) but because of my superficiality or out of ignorance about the rules.
An example of ignorance may be control six: description “between two trees”. Ok, easy, isn’t it? The problem was that there were three flags located in single file between the two trees....According to the description all the three controls were right! I discovered that in accordance with the convention the right control was that ones equidistant from the twoo trees.
I would have never guessed control 11 (3 flags near the fence); I looked at the direction and the projection of the buildings and then I discovered the right answer was “Z”, because the controls were not attached to the fence but they were situated in the private green in front of a hedge!!!
After lunch with some friends it was the time of prize giving; a party for all those who trained hard during the year! I won a voucher of value 50 € to buy orienteering goods; I’m not satisfied with it for this reason: as I took many years and hard training to be able to win some important races I want to win a prize which reminds me my victories. When I’ll spend this voucher I’ll have no memorie of this win.
So I appreciated very much the prize with plate dedicated to the Italian champions: these prizes are very important for people like me, who obtained victories slowly and with efforts; for example the first Lombard call in Italian Countries Trophy (and in the past it was very hard to be called!).
Today the season 2008 is officially over but next Monday we start again!

2 commenti:

bertillo ha detto...

Ciao Rusky. C'ero anch'io a gareggiare sotto la pioggia battente di ieri. Sai per caso dove posso trovare la soluzione del Trail-O di ieri?
Grazie.

rusky ha detto...

Ufficialmente non so ancora dove siano le soluzioni, però se apri la foto con un buon programma dovresti riuscire a leggere.