If you want to translate:

Translate Italian to English Translate Italian to German Translate Italian to French

domenica 9 novembre 2008

Presidenza FISO

Today, FISO (Italian orienteering federation) has a new president; his name is Grifoni and here is his picture; his job will be for 4 years.
Tornando agli orientisti italiani di seguito il programma quadriennale presentato dallo stesso:

Cari amici Orientisti,
a questo punto del dibattito preelettorale vorrei fare qualche considerazione.
Nella riunione di venerdì 14, invitato dal Presidente del Comitato Trentino Bepi Simoni ad un confronto aperto a tutti, ho potuto annunciare la disponibilità di Franco Falco ad assumere il ruolo di Segretario Generale della nostra Federazione. Franco Falco, Maestro dello Sport in pensione da due anni, ha diretto il Centro FIDAL di Schio (che ci ha spesso ospitato), ha l’incarico per la FIDAL di omologatore degli impianti sportivi e, a termine (luglio 2009), il coordinamento di una dozzina di federazioni ai Giochi del Mediterraneo 2009 che si terranno a Pescara. Penso che, grazie alla sua conoscenza e presenza negli ambienti del CONI, Falco potrà dare un grande contributo alla nostra Federazione, soprattutto al fine di ottenere l’ambito riconoscimento. Il primo passo sarà quello di avere un appoggio logistico presso gli uffici del CONI a Roma. Spesso diciamo che dobbiamo uscire dai boschi per farci conoscere; dovremmo anche uscire dal chiuso del nostro movimento e aprirci al vasto mondo di tutto lo sport italiano.
Presso il Centro di Schio, dotato di infrastrutture sportive e logistiche (è uno dei quattro Centri FIDAL, anche se il più piccolo), potrà prendere l’avvio, se il Consiglio Federale lo riterrà opportuno, il nostro Centro Federale, ad un’ora di distanza dai comprensori di Asiago e di Lavarone.
Non è mia abitudine parlare di quello che ho fatto fuori dalla FISO, ma poiché si è discusso giustamente di esperienze manageriali e metodi di lavoro, ritengo utile far conoscere la mia esperienza sportiva e lavorativa. Dai 14 anni in poi ho praticato sport quasi ininterrottamente, due anni hockey su ghiaccio, otto anni rugby e poi orienteering. Ma contemporaneamente ho sempre studiato prima e lavorato poi.
Da giovane, ricercatore all’ENEA, ho diretto un’attività di ricerca su un particolare tipo di combustibile nucleare cui collaboravano Italia, Stati Uniti, Svezia, Norvegia ed Euratom (è questo progetto che mi ha portato prima negli USA e poi in Scandinavia, dove ho incontrato l’orienteering).
Da ultimo, all’Ansaldo, sono stato il Capo Progetto di una attività di ricerca applicata che ha portato all’inserimento di cinque elementi sperimentali nel reattore nucleare di Caorso, coordinando il lavoro di Ansaldo, General Electric, Agip Nucleare (ENI), ENEA ed ENEL. Progetti molto complicati e costosi (10 M.di di Lire anni ‘80 quest’ultimo), che hanno richiesto il superamento di notevoli difficoltà non solo tecniche ma anche politiche. Nel mezzo e dopo, tanti altri progetti condotti a termine con successo. Perciò se mi eleggerete vostro Presidente, condurrò con successo anche questo impegno.
Poiché negli ultimi vent’anni della mia attività lavorativa ho fatto di mestiere il Capo Progetto, cioè il coordinatore e responsabile tecnico/economico di attività di ricerca e di ingegneria, considero ovvio che chi guida una organizzazione complessa debba coinvolgere e motivare su obiettivi condivisi le persone che contribuiscono al progetto. Forse per questo ho preferito insistere sugli obiettivi, sui quali ho cercato la vostra condivisione. Ma, l’ho detto e lo ribadisco, i mezzi per raggiungerli saranno prevalentemente gli uomini e le donne che daranno il loro contributo nel Consiglio Federale, nelle Commissioni, negli Organi Periferici.
Conto su di loro e su tutti voi.
Sergio Grifoni

Augurando un buon lavoro, la prossima scommessa sarà: quanto durerà? dopo aver letto la cronaca di Stegal (ma chi te l'ha fatto fare di perdere una bella giornata di sole...) credo che la convivenza sarà alquanto difficile.

2 commenti:

cosimo ha detto...

riguardo la "foto mossa"... erano le vibrazioni tese e negative che si sprigionavano in quel momento a disturbare la messa a fuoco... :-D

rusky ha detto...

Infatti certi volti erano deformati....