If you want to translate:

Translate Italian to English Translate Italian to German Translate Italian to French

domenica 26 aprile 2009

Bosco di Civezzano

I believe I will remember this week-end a long time: there were the Italian Championships Middle Distance, the kind of race that most fascinates me, in a place close to my birthplace that I had never visited, on a map and land that I dream to every transfer!
First, thanks to Trent-O because it has replicated the excellent organizational performance ofS. Giovanni al Monte; the club founded a few years ago has shown that with goodwill and several members and the minds of a few who have clear ideas, you can organize competitions for which it is worth paying the price of the ticket.
As far as the race ground now I have my idea: in recent years, in Italy, the orienteers clubs are always the same and have already mapped all the lands that are good in their districts, and to this point, the road is very simple: or new clubs will be born in area never mapped or the usual clubs go away to find suitable new area or you must again run on maps used in the past especially if it is worth!
A paradox lies in the two maps of Trent-O: if S. Giovanni al Monte was a secluded place, the today’s place was a few steps from Trento and bordering on S. Colomba’s map (maybe it was already part…); however, in both places, we ran on a fantastic terrain.
All this preamble is subjective: I have fun on these maps, others will have cursed the moment when they enrolled; they will be able to make up very often…
Returning to this week-end, I must point out another innovation that I was impressed: no to communicate in advance the group to which we were assigned!
The only disappointment was the lack of water at start of the semifinal and the exchange of some maps in the boxes: these things happen; who also parked on the roadside a few kilometres away was not very happy…..
Another good thing, and I regret not being able to be present, the eventing presentation of the “European School Championships” in Madrid and Tiomila: they are very useful events for people who listen and both those who have the honor of telling certain experiences.
My race was under bad auspicies: I have rarely done well in Middle (see Asiago and Piani di Praglia), the period is not the best, because I have little desire to run (it begins to see by the balance…) and I’m so wanting in stimulus in C.O. (but not in Trail-O).
Precisely for this reason I approached this meeting with no particular reasons as the challengers were out of my reach; the only motivation was the hope that Trent-O doesn’t disappoint me……
Saturday morning we arrived in the parking lot and under a hot sun we made a half hour walk as if it was a warm-up! (but not made available by the organizers).
Because the air is fresh and my start time enough close I tend not to take the water-bottle; and the tam-tam of parterre makes me understand that the race will not be just a walk.
At the end of pre-start formalities I begin to think to get in the first half of the group for the final; I like the map especially those first 5 controls where you can lose minutes.
Just leaving the top of the hill to go down to control 1 I understand that I should be very careful; I understand immediately the sign that the day will be good, because I literally fall on my control. I proceed very carefully trying to understand where I am; I make well the first four controls and only going to point 5 I heave a sight of relief.
I understand that the pit at the beginning of the path will not be so easy to spot: I would like to reach the lawn below, I decide to climb a little before and I made a mistake because I arrive as long! The path helps me a lot to get to the check.
Finally an easy control, the 6: I only must think about how to get there but it will be a joke…
With this though I begin leg 5-6: after some minutes I realize I’m wandering without knowing where I am!
I go down a slope, I see a meadow, I stop and my mind flies to Capanne di Marcarolo (semi Middle 2008) where I upset a race with something like this; I speak with myself and I say it would be better to return to be an orienteer….
I recognize the point where I am and fix the route; near area point I was hesitant and so I lost more time: at least 3 minutes!
My concentration is going to decrease and my brain doesn’t work well; fortunately the track returns to be more severe and thus to commit myself more.
From control 7 onwardsthe problems will be not more technical but only physical: the sun begins to tire my legs that are becoming more heavy especially in the final two climbs.
At control 12 Oleg (he started 9’ behind me) reached me, but it is almost a relief because I understand that I should easy qualify.
I was interviewed by Andrea (the speaker) to whom I tell that I enjoyed myself anyway…
The answer is very clear: you will see tomorrow!!
With this hope I wait for the arrival of numerous master and I understand that my time is enough to position myself among great masters like Biella, Arduini and Pilat; I though worse…
After lunch, I return to Baselga to visit relatives and friends, so no orientistic news disturb my sleep…
Sunday morning the weather is very different: cloudly, cool and a few drops; very good for my mind and my legs…
Warm-up going to start where I understand my legs run better; time start is very similar to Saturday, quick look at the starting grid (as Grilli told me he wanted to reach me) and I go fast to start; in this route I met Enrico to whom I predict his historic podium with Carlo R. e Andrea C. (it wasn’t difficult to understand it considering the limited number of runners able to strike them); I and Grilli agree that going into 15 runners it would be good and into 10 a success!!
Before starting I wet my head (probably I am the only one to do it because it’s not so hot) and I begin to think about my race; only concentration!
Because the stars were in my favour, everything takes the right course: I never removed my mind from the map: 45’ of pure euphoria, where my mind and my legs have carried the same way.
I think it’s really difficult to describe a race where my position was correctly reported by my brain on the map; paradoxically, in the end, I have considered easy this final; only the comparison with my opponents made me realize that it was not really so banal.
Several times I slowed the pace, other times I have chosen less aggressive way, but in the end I’m really happy about how I raced; I don’t care the final result because when I do my best I have no regrets and I applaud those who are better than me.
Speaking of the final results in general, I’m pleased to see that the real values of people have been rewarded: the victory of Carlo was expected, while for podium there were two formations: the speed of Enrico, Andrea and Roland against the class and technique of Dario, Antonio and Oleg.
The verdict was in favour of speed, but I think maybe because the second trio was older than the first one: however, Enrico is a M45, but his phisical dowry remained trapped for too many years by the poor technical knowledge!
As for the “human” I was surprised by the modest race of Corrado: I though that on this kind of ground he came in the first 10 runners!
I’m curios to see the split!!
A tribute to the former speaker: after so many “solitary races” at 8.00 a.m., he reached the final A defending himself very well on a land that he loves very much too.
In conclusion, I’m really happy of this transfer because I reconciled with the C.O. waiting for a new competition organized by Trent-O.

C
redo che ricorderò a lungo questo fine settimana: si svolgevano i Campionati Middle, il tipo di gara che più mi affascina (non per nulla sono fan di Tero), in un luogo vicino a casa che non avevo neanche mai visitato, su una carta e terreno che sogno ad ogni trasferta!
Innanzitutto, un grazie al Trent-O perchè ha replicato l'ottima performance organizzativa di S.Giovanni al Monte; questa società nata da pochi anni, ha dimostrato che con la buona volontà di parecchi tesserati e la guida di poche menti che abbiano chiare le idee, si possano organizzare delle gare per cui valga la pena pagare il prezzo del biglietto.
Per quanto riguarda i terreni di gara ormai ho la mia idea: negli ultimi anni, in Italia, le società orientistiche sono sempre le stesse quindi hanno già mappato tutti i terreni buoni che si trovano nei loro circondari; a questo punto la strada è molto semplice: o nascono nuove società in zone mai toccate, oppure le solite società vanno a chilometri di distanza per trovare nuove aree idonee oppure, e qui mi allaccio ad un post di Zonori, si deve tornare a correre
su carte usate nel passato soprattutto se ne vale la pena!
Un paradosso sta proprio nelle due carte Trent-O: se S.Giovanni al Monte era un luogo sperduto sopra Arco, quello odierno era a due passi da Trento e confinante con la carta di S.Colomba (magari ne faceva già parte...); eppure, in entrambi i luoghi, si è corso su un terreno fantastico.
Tutto questo preambolo è comunque soggettivo: io mi diverto su queste carte, altri avranno maledetto il momento in cui si sono iscritti; avranno modo di rifarsi molto spesso..
..
Tornando a questo weekend, devo sottolineare un'altra novità che mi ha favorevolmente colpito: non comunicare in anticipo la batteria a cui si era assegnati! è vero che il "povero Friz" stesse impazzendo allo start, ma questa operazione ha spiazzato i soliti "mangiatori di griglie" pronti ad accodarsi al treno di turno.
Le uniche note stonate sono state la mancanza d'acqua in partenza della semifinale e qualche scambio di cartina nelle cassette:
cose che capitano; anche chi ha parcheggiato sul ciglio della strada qualche chilometro distante non sarà stato molto felice.....
Altra cosa, positiva, e mi rammarico di non poter essere stato presente, la presentazione serale
delle gare a Madrid e 10mila: sono eventi di contorno molto utili sia per chi ascolta e sia per chi ha l'onore di raccontare certe esperienze.
La mia gara si presentava sotto cattivi auspici: raramente ho fatto bene ai middle (vedi Asiago e Piani di Praglia), il periodo non è dei migliori perchè ho poca voglia di correre (si comincia a vedere dalla bilancia..) e sono mentalmente vuoto di stimoli C.O. (non per il trail-O).
Proprio per questo mi ero avvicinato a questo appuntamento senza particolari motivazioni in quanto gli avversari erano fuori dalla mia portata; l'unica motivazione rimaneva la speranz
a che il Trent-O non mi deludesse....
Sabato mattina arriviamo in zona parcheggio e sotto un sole caldo ci facc
iamo una mezz'oretta di camminata che sa tanto di warm-up! (ma non quello messo a disposizione dagli organizzatori).
Siccome l'aria è fresca ed il mio orario di partenza abbastanza vicino propendo per non prendere la borraccia; il tam-tam del parterre mi fa capire che la gara non sarà proprio una passeggiata.
Finite le formalità pre-start è ora di darsi da fare per arrivare nella prima metà del gruppo; la carta mi piace subito soprattutto quelle prime 5 lanterne dove si possono perdere i mi
nuti.
Appena lascio la cima della collina per scendere alla uno capisco che dovrò stare molto attento; il segno che la giornata sarà buo
na, lo colgo subito, poichè cado letteralmente sulla mia lanterna. Proseguo con molta attenzione cercando di capire sempre dove io sia; riesco a centrare bene i primi quattro punti e solo andando alla cinque inizio a tirare un sollievo.
Capisco che quella buca all'inizio del sentiero non sarà tanto semplice da individuare: vorrei arrivare fino al prato sottostante, poi decido di salire un prima e sbaglio in quanto arrivo lungo! il sentiero mi aiuta moltissimo a raggiungere il check.
Finalmente una lanterna facile, la sei: devo solo pensare a come arrivarci ma sarà uno scherzo... Con questo pensiero inizio la tratta 5-6: ebbene dopo qualche minuto mi rendo conto che sto vagando senza s
apere dove sono! scendo un pendio, vedo un prato, mi fermo e la mia mente vola alle Capanne di Marcarolo (semifinale middle 2008) dove rovinai una gara in un modo simile a questo; qui mi parlo (come fa il "mitico" Robiella) e mi dico che sarebbe il caso di tornare a fare l'orientista... riconosco il punto dove sono finito e correggo la rotta; non soddisfatto del tempo perso riesco ad essere titubante anche in zona punto: almeno 3 i minuti persi!
Calo di concentrazione ed inizio di ebollizione del cervello hanno colpito ancora; fortunatamente il tracciato ritorna ad essere più severo e quindi ad impegnarmi maggiormente.
Dalla
7 in poi i problemi non saranno più tecnici ma solo fisici: il sole inizia a sciogliermi le gambe che si fanno sempre più pesanti soprattutto nelle due rampe finali.
Alla 12 vengo superato da Oleg (partito 9' dopo) ma è quasi un sollievo in quanto capisco che dovrei qualificarmi agevolmente.
Vengo intervistato da Andrea a cui dico già che comunque mi sono divertito... la risposta è molto eloquente: vedrai domani!
Con questa speranza aspetto l'arrivo dei numerosi master presenti e capisco che il mio tempo è sufficiente a posizionarmi fra grandi master: Biella, Arduini e Pilat; pensavo peggio...
Dopo il pranzo della cucina da campo presente, ritorno a Baselga per visita
parenti e amici per cui nessuna notizia orientistica a disturbare il sonno...
Domenica mattina il tempo meteo è molto diverso: nuvoloso, fresco e qualche goccia; molto positivo per la mia testa e per le mie gambe....
Solito warm-up per arrivare al ritrovo dove inizio a capire che le gambe girano meglio; orario di partenza molto simile al sabato, rapida occhiata alla griglia (in quanto Grilli dichiara di voler raggiungermi) e passo spedito verso lo start; in questo tratto trovo Enrico a cui predico il suo storico podio con Carlo R. e Andrea
C. (non era difficile capirlo considerato il numero limitato di persone in grado di insidiarli); con Alberto concordiamo sul fatto che entrare nei 15 sarebbe ottimo e nei 10 un successo!
Prima di partire mi bagno per bene la testa (probabilmente l'unico a farlo visto il clima) ed inizio a pensare alla gara: solo ed esclusivamente concentrazione!
Siccome gli astri erano favorevoli tutto è girato per il verso giusto cioè non ho mai tolto la testa dalla carta: 45' di pura euforia agonistica dove testa e gambe hanno proceduto allo stesso modo.
Credo sia davvero difficile descrivere una gara dove la mia posizi
one terrestre era correttamente segnalata dal mio cervello sulla carta; paradossalmente, alla fine, ho reputato facile questa finale; solo il confronto con gli avversari mi ha fatto capire che non fosse proprio così banale.
Alcune volte ho rallentato il ritmo, altre volte ho scelto vie meno aggressive, ma alla fine sono davvero felice di come ho corso; non m'importa della classifica poichè quando faccio del mio meglio non ho rimpianti ed applaudo coloro che mi stanno davanti.
Parlando
della classifica in generale, sono soddisfatto di vedere che i valori reali delle persone siano stati premiati: scontata la vittoria di Carlo, mentre per il podio si davano battaglia due schieramenti: la velocità di Enrico, Andrea, Roland, contro la classe e tecnica di Dario, Antonio ed Oleg. Il verdetto è stato a favore della velocità ma credo per motivi anagrafici: comunque Enrico è un M45, ma la sua dote fisica è rimasta per troppi anni intrappolata dalla scarsa conoscenza tecnica!
Per quanto riguarda gli "umani" sono rimasto meravigliato dalla modesta gara di Corrado: pensavo che su questo terreno arrivasse nei 10! sono curioso di vedere gli split.
Un plauso per l'ex speaker: dopo tante "solitarie" alle 8 di mattina, ha raggiunto la finale A difendendosi egregiamente su un terreno che anche lui ama moltissimo.
In conclusione, sono davvero contento di questa trasferta che mi ha riconciliato con la C.O. in attesa di una nuova gara organizzata dal Trent-O.
CLASSIFICHE: Semifinale - Finale

sabato 18 aprile 2009

Loco di Rovegno

Week end privo di CO, il mio, nonostante vi fossero parecchie scelte; come anticipato nel post precedente, il mio obiettivo è quello di mollare la corsa agonistica e di dedicarmi maggiormente alle trasferte che ritengo interessanti.
In quest'ottica non avrebbe avuto logica andare fino a Rovegno per disputare una sola gara di Trail-O tralasciando la notturna e la sprint, ma tant'è che attualmente mi va bene così!
In ballo c'erano le selezioni del gruppo GOK per i mondiali in Ungheria: oltre al sottoscritto ed a
l duo Stegal - Plab, si presentava anche Bibi in versione shopping (la sua trasferta era giustificata dalla vicinanza di un outlet abbastanza conosciuto); a questo punto mancano solo Mary e Attilio per fare il pieno delle presenze!
Premetto che avendo lavorato fino alle 13 non sono riuscito a prendere l'occorrente per la trasferta, tra cui bussola ( un grazie a Marina per il noleggio) e soprattutto fotocamera! davvero un peccato poichè il paesaggio ed alcuni punti del trail-O meritavano di essere immortalati.
La
gara è stata davvero bella: finalmente un tracciato che non fosse pensato esclusivamente ad ingannare il concorrente di turno e che, nonostante una carta non proprio precisa, ha reso abbastanza limpide le soluzioni proposte al termine della gara.
Dicevo della mappa: oggi ho imparato un'altra cosa, cioè che il rilevatore può disegnare ciò che vuole, tanto alla fi
ne sono problemi di chi legge la carta capire cosa ha disegnato! altrimenti non si spiegherebbero le numerose differenze notate nella realtà....
La riprova l'ho avuta nel dopo gara quando normalmente si critica il tracciato e la posa delle lanterne; ebbene, in questa occa
sione l'attenzione era volta alla cattiva precisione della carta.
La gara
Tempo

1° punto a tempo: abbastanza semplice in quanto la scelta doveva essere fra A e B in quanto le altre lettere
erano fuori zona.
2° punto a tempo: quest
o quesito è stato falsato dal disegno... nel senso che vi erano 5 oggetti particolari (giochi per bimbi) ma disegnati solo 4; il rilevatore ha scelto di non disegnare la giostra alta circa un metro e con un diametro di 2 metri e di riportare lo scivolo ed il supporto dell'altalena. Durante la mia scelta avevo notato questo problema ma capire quale dei 5 oggetti non fosse mappato diventava dura durante il punto a tempo... un ulteriore problema veniva posto dal fatto che fossero 2 le lanterne a nord-est degli oggetti, una allo scivolo l'altra alla giostra!
3° punto a tempo: ho fatto fatica a capire dove fossi posizionato io in quanto il recinto attraversabile non riuscivo a vederlo! a quel punto cambiavo ragionamento ed individuavo subito la risposta esatta sapendo che la risposta Z non fosse ammessa; infatti dal cerchietto sembrava che la lanterna dovesse essere ai piedi del pendio ma in realtà era un paio di metri più alta.
Normali
1° punto: facile, scala d
a individuare semplice e posizionamento corretto.
2° punto: n
on semplice capire se l'unica lanterna fosse realmente posata correttamente; nelle soluzioni, il disegno della lanterna mostra un punto diverso da dove è stata posata.
3° punto: qui si doveva applicare il colpo d'occhio fra due oggetti di cui uno indistinto... la mia risposta (ed errore) non fa testo in quanto, superficialmente, ho letto "fra recinto ed albero isolato" con la conseguente risposta errata; la cosa
sorprendente è che mi sono accorto dell'errore solo dopo che erano state mostrate le soluzioni.
4° punto: abbastanza difficile capire la reale ubicazione delle lanterne più in
alto; qui ho notato la mancanza del pallino verde vicino alla lanterna, un albero di circa un paio di metri d'altezza che nulla aveva da invidiare ad altri rilevati in carta.
5° punto: davvero tosto riuscire a vedere cosa fosse quel ovale verde3! se sull'esatta ubicazione non c'erano dubbi, il problema era capire cosa rappresentasse: l'intuito mi suggeriva che quella macchia fosse un albero spezzato caduto sul fianco nord.
6° punto: qui c'è un grosso errore di disegno dei due alberelli! l'allineamento con lo spigolo del naso non coincide proprio! fortunatamente il quesito non esig
eva l'uso della loro posizione; infatti e qui mi complimento col tracciatore, il tranello stava nel capire la descrizione punto! io stesso, dopo aver punzonato correttamente, iniziavo a pensare di aver sbagliato risposta; solo in seguito ad un successivo sopralluogo e discussione con Stegal (tutto post gara!), capivo l'esatta interpretazione della descrizione.
7° punto: davvero arduo decidere fra le due lanterne in alto quale fosse posta al termine del sentiero.... ho risposto per logica: un sentiero non poteva finire addosso ad un albero sul pendio!
8° punto: ecco le risposte Z che amo! il tutto facilitato dal fatto che non fossero disegnati i pali della luce di una seconda linea elettrica... bello il quesito orientistico, ma la mia domanda è: la seconda linea
elettrica non è stata rilevata apposta?
9° punto: forse la risposta più controversa! decidere se una lanterna fosse al posto giusto... due soluzioni contrastanti: distanza dal sentiero 12 metri circa (20 metri sulla carta), curva di livello passante dall'albero a n
ord perfettamente coincidente con l'altezza della lanterna; verde2 in parte scomparso.... ho scelto di seguire il ragionamento della distanza ma sinceramente avrei evitato questo punto, soprattutto perchè con lanterna singola e quindi era importante evitare di ottenere soluzioni multiple!
10° punto: lanterne posate lontanissime fra muretti tutti simili ed alberi ingannevoli... la soluzione? allineare angolo della casa con la punta delle cataste di legna (segnate in verde3... ma se nel frattempo le segavano/spostavano?).
11° punto: interme
zzo fra le case dove l'unica possibilità di errore poteva essere in qualche stupido tranello (tipo "che la lanterna era appesa sopra il portico ed il filo non era lungo abbastanza..")
12° punto: stupenda! peccato che quel piccolo alberello abbia aiutato la maggior parte dei concorre
nti. La descrizione prevedeva "depressione al bordo", peccato che il bordo non ci fosse ovvero non fosse quello dove era posata la C. Infatti siamo abituati a vedere una depressione all'interno di un terreno piatto dove i limiti sono ben chiari; in questo caso, il vero bordo passava a metà del pendio e non era visibile (soprattutto dall'alto e da lontano). Peccato che questo ragionamento non sia stato fatto poichè quel punto verde in mezzo al cerchio semplificava troppo le cose!
13° punto: da applicare la regola del bordo
di vegetazione....
14° punto: troppo facile al punto che ho pensato ad un trabocchetto (spostato alla 15..); infatti il cocuzzolo era ben visibile, il piede anche, e la macchia verde era netta!
15° punto: strike! tutti hanno sbagliato... da applicare la regola del 13° punto! due sono le cose: o tutt
i si sono fidati del sentiero e non sono andati oltre col ragionamento oppure non era proprio così Z! personalmente, dal punto di osservazione, mi sembrava abbastanza buona la verticale qualche dubbio mi è venuto guardandola da sud (sul ponte), dove sembra che il telo sia effettivamente molto più vicino ai piedi delle piante adiacenti.
16° punto: un punto ad effetto scenico, nel senso che era carino vedere questa lunga scalinata con una lanterna a metà pendio; tecnicamente, una volta individuati i pilastri
laterali bastava calcolare se ci fosse o meno una curva di livello di differenza.
In conclusione mi sono divertito molto su ques
to tracciato, semplice ma non banale dove occorreva ragionare il giusto senza farsi influenzare da presunti inganni.
Peccato che abbia imparato, a mie spese, questa novità di rilevazione della carta....
P.S.: i francobolli con le risposte non sono perfetti, d'altronde sono alla prima esperienza!

domenica 5 aprile 2009

Velo d'Astico

After the transfer to Tarzo (VI) 15 days ago this time we went to another small town from Veneto; finally a technical map even if the ground was not the best: it reminded me of a couple of races I ran in Switzerland last year, only a slope and a broken ground not good for ankles.
It’s common knowledge that on this kin of ground there are runnners that make the difference even only in racing; today it was a race where agility and bravery prevailed against people, like me, that prefer to lose some minutes, but to have sound ankles.
It should be restrictive to describe the whole race only as a “running race”; the ground was technical and difficult, but because of the one-way of the slope, the only orienteer problems were to choose the right contour line and the search for the object.
The map (a 1:10.000 scale enlarged from a map 1:15.000 scale) was rather precise but sometimes there was “something” didn’t correspond so it was not so sure to find a point.
Technically it has been taken a step forward as regards the last races; many orienteers enjoyed themselves and they said: “At least we made orienteering!”.
The wheater conditions were variable and the temperature was rather mild; the vegetation started to bloom; there was about 1 thousand people but in class W35 there were only 4 runners!
It was like a warm up to go from parking car to the meeting point and another slope to go to the start.
Class M40’s route was like M20 and M35 so it was possible to note the differences among the various groups of runners....
I started 2 minutes before Oleg (runner of TOL Club); he told me he didn’t feel good last week, but I Knew he should have caught up me even if he had run by one leg. I made the first three controls quite well; maybe the choice 2-3 was not the best, because at the control I was reached by Oleg; going up towards control 4 Oleg ran away and I tried not to give up.
As I ran faster I paid for this effort soon: at control 6 I reached the stone, I checked the code number and I thought it was control 7....this was the usual mistake when the mind is tired! I went on my race running along the side of the hill and I stopped at the stone wall; finally I understood my mistake, but besides loosing 2 minutes I lost confidence and concentation.
My blackout’s moment wasn’t finished because I went down instead of going up! I realized immediately my mistake but this choice demoralized me so that I decided to come back to the finish.
While coming back I gave a look at the map and I noticed how much it was nice; so my pride told me to go for a walk to look for the most difficult controls located in the south part of the map.
I had no problems for legs 7-12 which seemed to be the most interesting.
I faced the final part of the race (you had only to slope down) with less curiosity and less competitive spirit; I lost a couple of minutes for control 13 where I stopped too early even if I started from the depression.
At control 16 I made another mistake about 1,5 minute, because I think the map was not exact (the stone wasn’t at the bord of the flat area but on the steep ground) and I had the confirmation of that because as soon as I punched the control I went down towards the path below.
In the final meadow I was reached by Vidale and Grilli who started 6’ and 8’ after me...
After the today’s experience I think I’ll use again my water bottle during the next races; as I didn’t train hard in the last time, my phisical and psycologic state don’t let me to give the best, this is the reason because I decided to take part only in races where I believe to enjoy nyself.
I’m waiting for best time!!!