If you want to translate:

Translate Italian to English Translate Italian to German Translate Italian to French

domenica 21 giugno 2009

Millegrobbe - JTT

Nuova trasferta trentina, non distante dai terreni di domenica scorsa, per l'ormai classico appuntamento annuale dei JTT; questa gara è una sorta di salvadanaio per il gruppo giovanile trentino ed è un peccato che non tutti vi partecipino.
Comunque sia, il gruppo Gok quando c'è da correre su questi terreni è sempre presente, anche se ormai questa carta inizia ad esserci familiare; nonostante ciò, riusciamo sempre a trovare qualche punto che ancora ci fa dannare...
Personalmente questa carta la trovo molto completa, poichè presenta sia zone veloci che lente, alterna pendenze secche ad una costa dolce e la vegetazione cambia continuamente.
Credo che i giovani de
ll'Italia junior team abbiano imparato varie tecniche in questa settimana come, credo, i gruppo di finlandesi capitanati da J.Huovila.
Il tracciato della M35 mi è sembrato buono fino al punto 17, poi è diventata una lunga corsa fino al traguardo; tutto sommato è stato un ottimo allenamento viste le difficoltà tecniche e fisiche lungo i quasi
10 chilometri della gara.
Davvero pochi gli avversari iscritti e quindi via libera alla caccia del terzo gradino del podio fra le seconde linee (senza offesa) ai nastri di partenza; alla fine Stegal l'ha spuntata sui compagni di team.
La
mia gara è stata mediocre, non ho fatto grossi errori ma in questi week end ho imparato che i terreni trentini fanno la differenza in zona punto; temevo molto il versante iniziale perchè ricordavo essere una costa con pochi riferimenti e che le curve di livello non sarebbero state di grande aiuto.
Infatti, dopo aver infilato bene i tre controlli iniziali, ho pagato un dazio di un paio di minuti al punto quattro: credo di essere passato qualche metro sotto la canaletta
prima di ricollocarmi esattamente.
La tratta 5-6 ho dovuto percorrerla dall'alto in quanto, da un di
gare, la caviglia sinistra mostra una certa facilità nell'infortunarsi; anche in questa occasione ho temuto, più di una volta, di dover abbandonare per il temporaneo dolore.
Al punto 6 venivo raggiunto da Andrea C. (partito dopo 4'), con il quale facevo gara quasi parallela fino al punto 10 dove cambiavo compagno di viagg
io (Stegal).
Sarà un caso ma, ultimamente, ogni volta che raggiungo il mio compagno di team inizio a dargli il cattivo esempio; al punto 12, sbaglio la zona di ricerca e perdo più di un min
uto, mentre alla 14 sono almeno due i minuti superflui impiegati a cercare tra le rocce.
Al punto 16, il tempo perso credo sia oltre al minuto ma qui ho davvero temuto di ritirarmi causa caviglia; ottimo, invece, l'attacco alla 17 denominata a fine gara "la lanterna della caverna" che qualche vittima l'ha fatta... in questo frangente, ho pensato che il fair-play prima di insegnarlo ai ragazzi lo dovrebbero imparare certi master!
Come scritto sopra
, la gara, da quel punto, prendeva un indirizzo molto diverso e la velocità di corsa diventava la componente predominante.
Nonostante i nuvoloni che più volte minacciavano di rovesciare il loro carico d'acqua, il tempo è rimasto buono dandoci la possibilità di sostare e mangiare presso il bar di Millegrobbe mentre gli ultimi elitè terminavano i loro sforzi.
Con la gara odierna si è conclusa la prima parte della stagione caratterizzata da molto Trentino - Asiago; ora ci aspetta l'estate delle cinque giorni mentre, finalmente, si materializza la mia prima partecipazione all'Oringen (2010).

6 commenti:

stegal ha detto...

Abbiamo fatto due tratte identiche:
9-10 e 24-25 arrivo... forse anche 22-23
Mi vien da dire che io e te il bosco lo vediamo proprio in due modi diversi!
Cioé: neanche 17-18-19, neanche 23-24.

Vabbé, i 10 minuti sul groppone li avrò presi anche lì.

rusky ha detto...

E' il bello dell'orienteering, per chi lo pratica onestamente....

zonori ha detto...

Ooooo ... ce l'avrai mica anche tu con i "ferrovieri" eh?

rusky ha detto...

Nooo, figurati, quelli arrivano sempre secondi! Magari con quelli che a tutti coloro che incrociano chiedono: "Sai dove siamo?" e non fanno gli esordienti...

zonori ha detto...

Ah, i "turisti" insomma. Quelli che sono nuovi della zona e chiedono informazioni. Si potrebbero istituire a 'sto punto due nuove categorie: M/W ferrovieri ed M/W turisti.
Poi ci sarebbero anche gli M/W oratori (quelli che se t'incontrano non stanno zitti neanche a cannonate)...

rusky ha detto...

Credo che la griglia di partenza sarebbe più numerosa di certe categorie agonistiche giovanili...