If you want to translate:

Translate Italian to English Translate Italian to German Translate Italian to French

domenica 23 maggio 2010

Pietra Corva e Penicina

Terza gara di coppa Italia, quella odierna, su un bosco che divide ben 4 regioni italiane e sotto un sole, per la prima volta, estivo; essendo vicino a casa (in linea d'aria) e, probabilmente, all'ultimo appuntamento prima della O-Marathon ho voluto fare un salto a Romagnese.
Mi ricordo, anni fa, una trasferta in questa zona che non aveva lasciato (a me e Mary) dei bei ricordi; vegetazione cattiva e zona sassosa non rilevata adeguatamente. Quest'anno la carta è stata ampliata coprendo un bosco molto dissimile da quello già cartografato; il bosco è più veloce e simile a quello del Monte Penice e per questo motivo, nel suo insieme, la zona offre una buona varietà di orienteering. La rilevazione è sembrata abbastanza buona anche se alcuni dubbi rimangono sul colore verde 2, rilevatosi molto scorrevole, ed alcune parti dove le curve di livello non sembravano essere perfettamente combacianti con la realtà.
Fortunatamente i tracciati sono stati intelligenti: nella parte nuova, una serie di punti middle davvero veloci e filanti, mentre nella zona lenta e variopinta alcune tratte long che hanno lasciato spazio a varie scelte, talvolta decisive. E' stato un peccato che alcune categorie siano state falsate dal cattivo posizionamento di una lanterna, personalmente mi è andata bene, ma non è la prima volta che in coppa Italia succedono queste cose! il problema è che, alla fine, chi rimane scottato da questo problema, ricorderà la gara solo per quel motivo... L'organizzazione è sembrata buona e, nonostante lo spazio ridotto per i parcheggi, il ritrovo ha ben accolto i 500 partenti; ancora una volta sono state accorpate le categorie M20-35-40 e questo risulta esaltante per alcuni, umiliante per altri!
La mia trasferta inizia con il lungo e tortuoso tragitto che da Voghera sale al Monte Penice; fortunatamente, parto verso mezzogiorno e ho il tempo di prendermela con comodo: il rovescio della medaglia è che farà caldo! Allo start scopro che non sarò l'ultimo a partire in quanto si è aggiunto Nicolò appena dietro: non essendo la prima volta, non mi faccio coinvolgere mentalmente in quanto abbiamo due passi molto diversi. Dopo il via, scelgo una tratta facile per il primo punto che trovo velocemente; entro bene in carta ed alla tre sono con Angelo B. che parte due minuti prima.
Ad un certo punto cerco la borraccia per bagnarmi ma scopro che l'ho persa! questo sarà un problema in quanto è la gara giusta per usarla.... perdo una trentina di secondi all'uscita della quattro ma viaggio bene; errore da più di un minuto alla 8: arrivo 5 metri alto e cerco nell'avvalamento giusto ma 50 metri a sud della lanterna; da dietro arriva Corradini che mi indica l'errore. Nemmeno a farlo apposta, alla successiva ricambio il favore in quanto lui va troppo a est.
A questo punto sono sopra ritmo e faccio un errore: andando in direzione della 10 sbuco su una strada che, in seguito, scoprirò essere il sentiero che corre parallelo al filo elettrico; appena oltrepasso il verde3, decido di utilizzare le curve di livello per raggiungere la strada giusta; a quel punto non ho problemi a trovare la lanterna anche se quella piazzola mi sembrava un pò alta. Alla dieci, Nicolò se ne va con il suo passo mentre io punzono 11 e 12 con ancora qualche scoria mentale in corpo. Il punto successivo lo pianifico bene ma mi metto un pò di paura quando noto che il verde1 non è quello da me aspettato: corro senza intoppi e, quando vedo Marco Seppi punzonare la mia lanterna, non ci credo andando lungo a cercare chissà cosa... questo minuto perso è stato davvero gratuito! andando alla 14, penso già alla tratta lunga successiva: scelgo la via corta e rischiosa che, se andasse bene, mi farebbe recuperare molto tempo rispetto a chi sceglierà il sentiero... infatti, va tutto bene ed arrivo in zona punto 15 dove mi fermo sulla sella in cerca del masso: dall'alto scendono Rudi e Nicolò che mi portano al punto una decina di metri avanti.
Vedo che la gara è finita ed utilizzo le ultime energie per rimanere in scia dei due scatenati corridori: alla 16, il master trentino sparisce nei cespugli e lo ritroviamo aggrappato a quella lanterna maledetta da molti! lui scappa via e io mi tiro il collo per non mollare Rudi ma, quegli ultimi dieci metri prima dell'entrata del cancello.... arrivo completamente fuori soglia ma contento della mia gara fino a quando ....
chiedo un pò in giro ma trovo tutti fenomeni che mi hanno battuto! a Sassofortino avevo fatto una gara simile ed avevo vinto, possibile che qui fossi arrivato nelle retrovie?
la doccia fredda arriva da Remo che mi da un tempo di almeno 4 minuti più basso! piano piano, dagli split, inizio a capire gli errori e devo ammettere che pensavo ad una classifica più selettiva ed invece le differenze le hanno fatte i piccoli errori che sommati assieme sono stati determinanti. Alla fine sono però contento di essermi divertito e di scoprire che, alla fine, sono stati bravi Remo e Dario S. (auguri) e non troppo scarso io.
Adesso Finlandia e O-Marathon.

14 commenti:

stegal ha detto...

Mamma mia come eravamo gialli sotto quella tenda! Ma non hai anche la foto di Per Forsberg?

rusky ha detto...

E che te ne fai? io non ringrazio mai lo speaker perchè non lo sento..-))

stegal ha detto...

Belle le bandierine in cima... forse servono anche per un altro sito! :-) Ma per il primo tentativo, italiano e inglese ce li metto io...

Rusky ha detto...

Per le altre bandierine ci pensa Per Forsberg...

stegal ha detto...

certo, non sei stato il solo a pensarlo alla Penicina... :-(

Martin Dean ha detto...

Hi Marco,
The translation works well.
Have a good time in Finland!

zonori ha detto...

sssenti Finlandia ... come mai sotto "if you want to translate" non c'è la bandiera bianco crociata di azzurro?

rusky ha detto...

Bella domanda.... il problema è che non l'ho trovata! è uno Stato dimenticato dal web ...-)), comunque, qui a Tampere fa veramente fresco che mi è venuta voglia di correre in mezzo a questi boschi.

stegal ha detto...

C'è posta per te sulla mail UL... devi rispondere entro fine maggio. Io sto seriamente pensando di... (non te lo dico)

rusky ha detto...

So già.... per questo ti serve il/la ....

stegal ha detto...

Non so te, ma la mia risposta sarà di...

stegal ha detto...

Ah! Puoi dire alla tua amica bionda\mora che ho molto apprezzato le risposte... certo che è come avere un papà come Carlo Rigoni, una mamma come Claudia Bertoldi... e come zio Michele Tavernaro!!! :-)

stegal ha detto...

... solo che non ricorda una cippa del decimo punto di Soderkulla :-( Insomma, non lo sapremo mai!

rusky ha detto...

Ho la cartina con me: magari provo a voce..-); rispondi anche per me, tanto so già dove vuoi parare...